Un’avventura con lo Spirito Santo

 
 
All’inizio della quaresima ho ricevuto tre sollecitazioni che ho sentito, ascoltato e accolto.

• Papa Francesco a più riprese ci ha invitato alla conversione , a non aver paura di questa crisi, perché è proprio da queste situazioni che nasce qualcosa di nuovo (conversione)

In piena zona rossa non si potevano più svolgere le consuete attività, non si potevano vedere gli amici o i fratelli di comunità. Qualche riunione in remoto … tutto molto freddo e un po’ frustrante. Questa era la novità: usare la tecnologia.
 
• Signore! Cosa vuoi che io faccia?
 
Questa domanda mi ha accompagnato per molti giorni, perché una risposta  ci doveva essere, ma non la trovavo. La mia fantasia non trovava una strada nuova, ma la fantasia dello Spirito Santo sappiamo bene che ha risorse infinite e il Signore fa nuove tutte le cose.

Ho pregato ogni giorno lo Spirito Santo con questa domanda.

• La risposta è arrivata: una persona che non conosciamo ci ha fatto pervenire la richiesta di ricevere la preghiera di Effusione.
 
Una persona sola, di un’altra città, come prepararla? È molto tempo che non facciamo un seminario per l’Effusione … ma Papa Francesco,  auspica che tutti i battezzati possano  ricevere l’Effusione, cioè possano sperimentare la grazia di rinnovare il loro SI’ all’azione  dello Spirito Santo nella loro vita.
 
Da tutto questo la proposta di fare un seminario on-Line, per tutti i battezzati no, ma per tutti o tanti amici in tutta Italia si poteva fare, perché lo Spirito Santo non conosce barriere per scaldare i cuori né si lascia bloccare da uno schermo.
 
Così è partita questa avventura in povertà e semplicità che ci ha permesso di lavorare insieme in un’equipe formata da persone di varie città di Italia, e di dare l’opportunità a circa 70 persone che il Signore ha chiamato, di conoscere un po’ di più la terza Persona della Santissima Trinità.

È sempre una grande grazia vedere con i nostri occhi ciò che il Signore opera nelle persone durante il cammino, come si stringono legami nuovi e profondi, leggere nei loro occhi la gioia dell’Incontro e la libertà della condivisione.

È stata una ottima preparazione alla Pentecoste dove con tutta la Chiesa potremo accogliere i doni dello Spirito con un nuovo desiderio e la certezza che se ci apriamo alla sua azione, ci userà.

E ora Signore! Cosa vuoi che io faccia? Cosa vuoi che facciamo?
 
testimonianza di Elisabetta Morini responsabile dell’equipe del percorso per la preparazione alla preghiera di Effusione dello Spirito Santo

Ti è piaciuto questo articolo ? Condividilo !

Partager sur facebook
Condivido
su Facebook
Partager sur whatsapp
Invio
via Whatsapp
Partager sur email
Invio
per email

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ultimi articoli di notizie

Un’avventura con lo Spirito Santo

 All’inizio della quaresima ho ricevuto tre sollecitazioni che ho sentito, ascoltato e accolto. • Papa Francesco a più riprese ci ha invitato alla conversione , a non aver paura di questa crisi, perché è proprio da queste situazioni che nasce

Nathalie e Paul Segura: quando il nemico diventa amico

Più di altri Paul e Nathalie Segura sono stati sconvolti dagli attentati che hanno colpito la capitale il 13 Novembre 2015: “Ha riportato a galla in un istante il dramma vissuto dalla mia famiglia materna nel 1956 in Marocco”, racconta

Altri articoli

Il Governo

“La Comunità dell’Emmanuele è governata dal Moderatore generale, assistito dal Consiglio internazionale. Il Consiglio internazionale è eletto da un Collegio di